// blog

Aforismi

Fili d’erba

“Perchè magari nun c’hai gnente, ma se quel gnente lo dividi, è già quarcosa”, diceva mio nonno. Terribile perdersi nel passaggio delle generazioni, pensare di essere nati giganti per scoprirsi un giorno niente altro che fili d’erba con un’unica aspirazione: non essere calpestati.

“Buona” Scuola

Trasformare i sudditi in cittadini è un miracolo che solo la scuola può compiere diceva Piero Calamandrei. La politica, riformandola, spesso compie il “miracolo” inverso.

Diventare

“Sii te stesso”, dicono… ma essere quello che si è non è un merito. Diventare ciò che si vuole è un merito. Buon 2015, anno troiko e interventista!

QuizEuro

Vivere con una moneta senza Stato in un sistema governato dalle banche, dal capitale e dalla finanza é: 1. curarsi una carie con una calibro 36; 2. calibrare le emozioni del cuore al mattino sul gorgoglio del cesso prima di farsi la barba; 3. farsi la barba con una ghigliottina; 4. farsi una ghigliottina senza [...]

“In guisa ch’ì non so là v’ì mi sia”

“In guisa ch’ì non so là v’ì mi sia” diceva il Cavalcanti. In modo che non so dove mi trovo, dico io. Che poi dove mi trovo più o meno lo sapevo, solo che da qualche tempo non mi trovo più dove mi trovo e se uno non si trova più dove si trova, poi [...]

Arthur S.

“Assomigliamo a esseri che girano intorno a un castello, cercando invano un’entrata e descrivendo una facciata.” Arthur Schopenhauer, figlio di un suicida e di una poltrona.

Santi, poeti e navigatori

Quando questo paese sarà defunto, rimarrà solo il ricordo di qualche poeta a riscaldare le interiora dei mediocri. I navigatori se ne saranno andati da un pezzo, mentre dei santi continueremo a percepire solo il puzzo d’incenso, misto a banconote e carogne.

Identità

Essere sempre disperatamente uguali a se stessi, cambia.

Neve

Incredulità. Tepore ovattato. Idillio. Fastidio. Nervosismo. Crisi. Scioglimento e disfacimento. NEVE metafora trasparente di relazioni andate male!

Forconi

Orchi, monarchi, tetrarchi, oligarchi, cloni e clonarchi, archi e gerarchi, casti e castarchi, su i pantaloni e occhio ai forconi!