//
OPERE DIDATTICHE
















NUOVE PROPOSTE

L’Anarchia del Potere
Anarchia del potere
Una performance profetica, di parole e corpi.
Parole morte su corpi vivi. Parole vive su corpi morti.
Raccolta di parole di Pier Paolo Pasolini a partire da un’intervista rilasciata sul set di Salò e le 120 giornate di Sodoma nel 1975. Parole che arrivano dal passato e dal futuro mentre lasciano cicatrici sulla nostra pelle nel presente. Con Giulio Valentini
Performance video di Giulio Valentini e Chiara Mazzocchi girata a Berlino, Viktoria-Luise Platz in un imprecisato giorno senza futuro dell’anno 2014. VIDEO: Clicca qui.

August Strindberg (più o meno…)
August Strindberg (più o meno...)Si parte con Un’Ora a Bordo testo tratto dai Racconti dell’Arcipelago di August Strindberg, drammaturgo, scrittore e poeta svedese capace di ricopre tutti i generi letterari. Cinquanta volumi, a cui se ne aggiungono ventidue di corrispondenze, fanno del suo nome l’apice della tradizione letteraria scandinava e tra i massimi artisti letterati del mondo.
Si cammina su “un pavimento inclinato come un palcoscenico mentre un maiale corre qua e là e galline e oche beccano dei chicchi da una mano bianca” e poi si arriva a una pazza visione cinematografica dell’amore.
Perché l’amore è pazzia e cinematografo.
Impulso e racconto, adrenalina e valium.
Un’Ora a Bordo pazze storie, vicendo poetiche e strampalate raccontando la vita di August Strindberg.
Un’Ora a Bordo sperando di non scendere mai!

Memento de Morì – Viaggio nei Faust
La Nave dei Folli, "Memento de morì" - AtelierFORTE
L’inferno va ripopolato è necessario organizzare una raccolta di anime.
Inviato per il suo charme direttamente dal Diavolo in persona, un satiro romano spiegherà per filo e per segno come vendere la propria anima per poter avere una vita agiata e ricca.
Un salto avanti e indietro in tutte le versioni di Faust, il protagonista di un racconto popolare tedesco che è stato usato come base per numerose opere di fantasia. Il racconto riguarda il destino di un sapiente chiamato Faust il quale, nella sua continua ricerca di conoscenze avanzate o proibite delle cose materiali, invoca il diavolo, che si offre di servirlo per un periodo di tempo, in tutto ventiquattro anni, e al prezzo della sua anima gli consentirà la conoscenza assoluta. Un salto avanti e indietro per scoprire come si vende un’anima oggi.
Di Daniele Bossetti, con Giulio Valentini

Sandrùn, un uomo preoccupato
L’artista Sandrùn, al secolo Francesco Barbera, nasce a Sordevolo un piccolo paese vicino a Biella tra le due guerre e si spegne nel 1970 in un afoso pomeriggio di luglio sotto un porticato. Conosciuto in paese come Franceschino dell’Elvo, vive una vita breve, una vita di lotta a colori forti, decisioni scolpite nel corpo e nella mente. Un uomo scomodo che ha lasciato un segno, un impronta forte e duratura fatta di luci e ombre. Sandrùn, Un Uomo preoccupato, come i pochi tratti di carboncino su cartone del 1960 per un viso concentrato, raccolto e ripiegato che si appoggia su delle mani stanche perchè un uomo non è altro che i suoi problemi e le sue preoccupazioni.
Non esiste un uomo privo di preoccupazioni, perchè un uomo che pensa, un uomo che misura se stesso sulla realtà intorno, che scolpisce la propria personalità attraverso lo scontro con il mondo è un uomo pre-occupato, e cioè che si occupa prima degli altri di scoprire il mondo così come è.
E scopre l’abisso dell’uomo per sua natura infelice. E a quello si rivolge Sandrùn, all’uomo infelice ma pensante, perchè un uomo felice, è un uomo che non pensa. E un uomo che non pensa, non è un uomo.