//
Sbaji su Sbaji

sbaji su sbaji
Al signor K. chiesero cosa stesse facendo: “Sto lavorando duro per preparare il mio prossimo errore”, rispose. Così Brecht dai Racconti del Signor Keuner indagava la radice strutturale dello sbagliare umano. E forse proprio a causa della notevole esperienza che ho maturato su questo campo, nel corso degli anni, ho visto crescere la voglia di confrontarmi con questo sommo concetto, contrasto, capitombolo.
E’ stata necessaria una somma presa di coscienza ma dopo tanto capitolare, sono giunto a quello che sono solito definire :”lo sbajo”.
Questo, si badi bene, deve essere distinto dallo sbaglio comunemente inteso. Infatti mentre con quest’ultimo s’intende la casualità, il fenomeno, l’accidente che conduce l’uomo di tanto in tanto a confondersi a compiere qualche errore casuale, “lo sbajo” è invece strutturale, è il tic supremo che bussa dal di dentro e ci porta strutturalmente comunque a fare sempre la cosa “sbajata”. l
Lo sbajo è il noumeno, “la cosa in sè”, anzi…lo sbajo in sè!
(Nella foto accompagnato dalla sega musicale di Emanuele Cedrone)

Estratto:
“Che poi sarà pure vero che sbajà è naturale
Perché come direva er Pascarella:
“Basta avecce un filo de capoccia,
pe capì che, qualunque parte taji,
ce trovi un po’ de sugo e un po’ de coccia”.
E quindi te devi abituà
Che non è che va sempre tutto come dici tu
Anzi quasi mai.
Perché i supereroi, quelli veri, non so quelli immortali come Superman, quelli che sanno che non possono morire, NOOOO! Per quelli è facile, se non mori te va sempre bene…
I supereroi VERI, so quelli che rischiano sempre il tutto per tutto, quelli che ce possono lascià le penne da un momento all’altro eppure si lanciano nella battaglia pronti a prende una coltellata in petto con il sorriso in bocca e a pensà: che sbajo che ho fatto, che sbajio!
Perché a uno sbajo ne segue un altro e poi un altro, e poi un altro…
SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI + SBAJI
SBAJI PERCHÉ NEL DUBBIO, HAI GIÀ SBAGLIATO!”

Andato in scena:
- IL lOft di ViLet, via Tucidide 56, Milano
- Liceo Scientifico “G.Piazzi” di Morlupo (Roma);
- Cascina “La Collina”, Loc. Monterosso, Sacrofano (Roma)
- TEUNI – Teatro Experimental da UFPR, Festival de Teatro de Curitiba (Brasile)
- Circolo delle Arti, Via Emanuele D’Adda 11, Mariano Comense (CO)
- Piazza dei Borgia, Rignano Flaminio (Roma)
- Bioforme, Via Aosta 2, Milano

Sulla scorta di questo corto teatrale è nato un gruppo in facebook Quelli che sbajano… SEMPRE!!!, all’interno del quale finalmente si ha la possibilità di condividere i propri sbaji!