//
Il Papa dei Piccioni
Il Papa dei Piccioni al Festival di Curitiba

Il Papa dei Piccioni al Festival di Curitiba (Brasile)

La storia è il ciclo delle esistenze che non s’interrompe. Forse questo è il senso delle parole di Platone: “conoscere vuol dire ricordare!” Ricordare le vite precedenti nel ciclo della trasmigrazione delle anime, la METEM-PSICOSIS, ma forse Platone ha voluto intendere anche le vite dei nostri padri, delle generazioni che ci precedono nel ciclo delle generazioni e della storia.
In questo modo la memoria non è solo cronologia ma diventa azione creativa, attraverso la memoria si fa la storia e facendo la storia si rimane nella memoria.

di e con Giulio Valentini
Musica di Antonio Novaes

Estratto:
E forse non lo so ma quella povertà era proprio una delle ragioni perché nonno era diventato comunista. Un giorno quando ero piccolo glielo chiesi e nonno mi rispose in modo strano. Perché dice che nonno era comunista non perché aveva letto il Capitale, ma lui dice che era comunista per due ragioni: “uno perché io Giuliè nun so felice se non so felici pure l’artri! Perché non è come sotto er fascio che tu eri felice se c’era uno che stava peggio de te.
E quello era felice se c’era uno che stava peggio de lui e quell’altro era felice se ce ne era uno più là che stava peggio…
e quell’altro era felice se ce ne era uno che stava peggio…
e quell’altro ancora era felice se c’era uno che stava peggio…
e quell’altro era felice se ce ne era SEMPRE uno pronto che stava peggio lui…
no, io so felice se vedo che intorno a me tutti stanno bene: questa è la felicità Giuliè!
Questa è la felicità Giuliè, perché magari nun c’hai gnente ma se quel gnente lo dividi è già quarcosa!
Perché magari nun c’hai gnente ma se quel gnente lo dividi è già quarcosa!

E poi fijo mio, io so comunista perché so Dartonico! Aho io so dartonico i colori non li distinguo, io vedo bene solo er rosso! E ce sarà una ragione no perché io vedo solo er rosso? Io so come i tori, io il rosso me lo magno!”
“Ah Nonno ma i tori non se lo mangiano il rosso…” dicevo io.
“Ahhh mò non fa come fa nonna eh? Che stai sempre a sfruguglià sulle parole, le parole so importanti ma è più importante IL MANTELLO che ie dai a le parole, capito? Insomma te dicevo, io er rosso è l’unico colore che vedo, che quanno vedo er rosso me sento bbene… insomma quanno è finita l’epoca der Fascio no? Moh te racconto…Dopo l’8 settembre semo rimasti tutti senza sapè da che parte annà, con una mano davanti e una de dietro come se dice…che me so tolto la divisa, so andato a cercà pe campi de rubà un paro de pantaloni e una camicia e daje e daje prima ho trovato dei pantaloni alla zuawa, una camicia mezza strappata cor colletto ar baffo come piace a te e alla fine ho trovato pure una cravatta rossa, una cravatta rossa…che era l’unica che sapevo che era rossa.
L’altri amici sordati me dicevino tojete quella cravatta rossa, che sei tutto scompagnato co lì colori e che poi te vedono in mezzo alla fratta e te sparino subito, tojete quella cravatta rossa che te sparino subito, tojete quella cravatta rossa che te sparino subito e io no! Io no! No nun me la tolgo sta cravatta rossa perché me sento bene! Perché me sento bene! Poi una notte so arrivati i sordati de Tito, i comunisti quelli veri e hanno sparato a tutti tranne a me, TRANNE A ME… TRANNE A ME…che stavo lì in mezzo, intorno a me sentivo che ie sparavano e io ero fermo, io ero fermo e non me muovevo e così non m’hanno sparato perché c’avevo questa cravatta rossa e quindi m’hanno lasciato andare, perché hanno pensato che ero comunista come loro… e lì sinceramente qualche dubbio ce l’ho avuto sul comunismo ma poi ho pensato che la guerra è guerra e la guerra fa tutti animali pure li angeli, e puri li comunisti…”

Andato in scena:
- IL lOft di ViLet, via Tucidide 56, Milano
- Liceo Scientifico “G.Piazzi” di Morlupo (Roma);
- Trattoria “La Collina”, Loc. Monterosso, Sacrofano (Roma)
- TEUNI – Teatro Experimental da UFPR, Festival de Teatro de Curitiba (Brasile)
- Circolo delle Arti, Via Emanuele D’Adda 11, Mariano Comense (CO)
- Festa Democratica 2012, Località Ronco Gigi, Cabiate (CO)
- Spazio | Street Studio, via Gaetano Sbodio 30/6, Milano
- Atelier Forte – Via Corelli 34, Milano
- Piazza dei Borgia, Rignano Flaminio (Roma)
- Bioforme, Via Aosta 2, Milano
- Teatro Cinema Gerini, Via Tiburtina 990, Roma
- Atelier Forte – Via Corelli 34, Milano
- Piazza Vittorio Veneto, Biella
- Festival “Suoni di Parole. Libri, musica e integrazione”, Cittàdellarte – Fondazione Pistoletto, via Serralunga 27, Biella