//
Cencia

Cencia

Cencia è la bambina a destra della maestra

Storie di guerra e di gioventù, storie di terra, di amori che non finiscono e di sorrisi che non si spengono anche lungo l’esile sfiorarsi delle generazioni.

Estratto:
I vicoli sono la parte più antica di Rignano.
Un ginepraio di viottoli scomodi e ripiegati uno sull’altro come degli spaghetti di tufo arrotolati sulla nuca di una collina. Arrivo, suono un campanello rosso verniciato male a lato del portoncino.
Cencia mi apre la porta con già un caffè in mano.
Mi siedo.
Alla televisione c’è il Tg1.
Mi chiede: “Chi sei tu? Ah o nipote de Genova! Come te si fatto grande! Eh come stai?”
Eh io sto bene e tu come stai?
“Me chiedi come sto? Sto bene, all’età mia sto bbene…
A vita mia è una saccoccia piena che de fregnacce che nessuno se ricorda più do sta”.
E dimmi un pò Cencia, quanti anni hai?
“Quant’anni c’ho? Io so der sedici e so nata giù a piazza anzi no a piazza, appena o vicolo a sinisctra. A seconda casa. Noi eravamo cinque, dico de fratelli. Allora io c’avevo nonna, che me piava in braccio, hai viscto quanno fanno:
BELLA DE NONNA!
BELLA DE NONNA!
BELLA DE NONNA!
Me faceva bella de nonna però nonna me diceva pure:
VATTINE SU!
VATTINE SU!
VATTINE SU!
Allora io, a mamma i’ho detto: perché me dice vattine su? Dice…perché cinque fiji erino troppi, tu dovevi morì, che io ero l’urtima e mica c’era da magnà pe tutti…questo me diceva mi nonna…”
Pausa.
E poi Cencia mi guarda mi mette una mano sulla spalla e mi dice: “Però io non so morta e oggi c’ho 96 anni, alla faccia de mamma e de nonna che invece so morte tutte e due!”
E si mette a ridere con un sorriso da coltello affilato mentre taglia il pane.
Mi allontano. Non si sa mai.

Andato in scena:
- La Scighera, via Giuseppe Candiani 131 (MI)
- Piazza dei Borgia, Rignano Flaminio (Roma)
- Liceo Scientifico “G.Piazzi” Morlupo
- Atelier Forte – Via Corelli 34, Milano